venerdì 29 marzo 2013

Il trucco per la primavera

La nuova stagione ci porta a scoprire le tendenze del momento in fatto di make-up: ecco i colori, le texture e le tecniche che renderanno il tuo trucco perfetto (per la Primavera).

Primavera fa rima con fiori, colori, nuovi scorci e un nuovo calore sulla pelle: via libera quindi a ombretti densi di energia, di pigmenti riflettenti nel caso dell'argento, per un trucco metallico di grande tendenza, oppure opachi per puntare su nuance come l'azzurro, il viola, il rosa.
Resiste, stagione dopo stagione, il trucco marrone: metal o meno, è entrato ormai a far parte della beauty routine di molte donne, che lo trovano semplice e pulito.
Per le amanti delle labbra a tutto colore ecco le nuance: torna il corallo, ed è più forte, più corposo; con lui il classico rosso, emblema della femminilità, e una vitaminica palette di rosa, dai più romantici toni bon ton alle più vivaci sfumature del ciclamino.

Fonte:  http://www.style.it

Guance rosate

Mood fresco e romantico nel backstage Marni PE 2013: sguardo chiaro, con un filo di matita bianca e guance rosate.

Il trucco Chanel

Nel backstage della sfilata Chanel un trucco creato con ombretto argento lucente abbinato a una spessa sottolineatura nera su entrambe le rime ciliari. Il dettaglio? L'argento anche nella rima interna inferiore.

Mila Kunis

Ombretto argento e matita nera anche per una delle star del momento. Per completare un tocco di mascara nero.
(foto Getty)

L'argento

Uno dei colori della Primavera? L'argento.

Pro e contro dell'Acido Ialuronico

Trattamenti con l'acido ialuronico

Guardiano della freschezza e giovinezza della pelle, elemento principe dei cosmetici anti età più all’avanguardia, l’Acido ialuronico sembra essere il vero e proprio ingrediente dell’eterna giovinezza. Importante precisare fin da subito che non si tratta di un composto sintetico, ma di una componente naturale presente nella pelle, nella cartilagini e in varie altre parti del corpo non solo dell’uomo.

Le proprietà dell’Acido Ialuronico
L'acido ialuronico è un dunque una componente fondamentale per l’elasticità e il benessere della pelle, ma tende a diminuire con l’avanzare dell’età. Grazie alle sue proprietà conferisce alla pelle la caratteristica tonicità e morbidezza, migliora la cementificazione cellulare garantendo la naturale densità del derma. L’Acido Ialuronico possiede una notevole capacità di trattenere l’acqua assicurarando così alla pelle il giusto tasso di idratazione e favorendo la fisiologica produzione di Collagene.

La carenza di acido ialuronico nel tessuto connettivo porta invece all’indebolimento della pelle e alla formazione di inestetismi fastidiosi quali rughe e zampe di gallina. Partecipando alla sintesi del collagene e del tessuto connettivo, contribuisce inoltre a proteggere l’organismo da virus e batteri e a migliorare le capacità cicatrizzanti e antiinfiammatorie della pelle.

Trattamenti di bellezza
Sono molte le applicazioni in campo estetico che prevedono l’uso dell’Acido ialuronico, ad iniziare dalle iniezioni a base di collagene e acido ialuronico, veri e propri trattamenti estetici per ridefinire i profili e colmare o appiattire le rughe del viso.

L’applicazione avviene attraverso un piccolissimo ago che inietta il composto appena sotto la pelle da trattare, ma viene usato anche per conferire pienezza e turgore alle labbra. A causa del naturale riassorbimento della sostanza la sua efficacia non è permanente, il trattamento deve essere ripetuto all’incirca ogni 6-12 mesi. I costi medi di un trattamento variano tra i 200 e i 500 euro, molto dipende dalla complessità dell'operazione.

Creme e cosmetici
Il successo di questo componente ha contribuito anche alla diffusione di numerosi prodotti cosmetici e creme anti età che ne fanno uso. Naturalmente in questo caso l’effetto sarà più blando rispetto al filling, ma queste creme permettono di idratare la pelle e di nutrirla in modo naturale e non invasivo, favorendo la rigenerazione del tessuto cutaneo e restituendo elasticità e freschezza alla cute. In questo caso il trattamento è molto semplice, basta applicare regolarmente sul volto la crema scelta.

Controindicazioni
Grazie all’evoluzione e ai miglioramenti apportati a questi prodotti il rischio di effetti collaterali è molto contenuto, in ogni caso è bene evitare l’uso di questi prodotti durante la gravidanza o nei primi mesi dell’allattamento. Nel caso di intolleranze o infezioni questi trattamenti possono generare gonfiori, lividi o prurito. I trattamenti a base di acido ialuronico non sono indicati nel caso di malattie autoimmuni, infezioni o intolleranze. In caso di problemi o reazioni sarà opportuno rivolgersi al proprio medico di fiducia o ad uno specialista.

Fonte: http://www.donnad.it

mercoledì 27 marzo 2013

Cosmetici, impara a usare le dosi giuste

Come regolarsi con shampoo e balsamo, detergenti e antirughe, creme per il corpo

Per ottenere il massimo risultato dalle creme per il viso e per il corpo, fluidi e sieri, non serve essere troppo generosi o, al contrario, troppo avari. Ogni  cosmetico va dosato nella quantità giusta per dare il meglio di sé ed evitare sprechi o reazioni allergiche del nostro organismo. Stesso discorso per i detergenti per la cura del corpo, shampoo e balsami per capelli. Leggi i consigli per sfruttare al meglio i tuoi prodotti di bellezza.

Antirughe e sieri: ecco la quantità giusta

La crema antirughe

Prima di mettere mano al tubo della crema antirughe è bene tener conto che la cute è in grado di assorbire solo una certa dose di prodotto: se troppa, potrebbe essere addirittura dannosa. In  quantità eccessiva si finisce per occludere i pori e irritare la pelle.

Quanta ne serve
Se è una crema: un cucchiaino da caffè, sia che si tratti di crema che di idratante antirughe, che va massaggiato sul viso, sul collo fino ad arrivare al décolleté. Mai trascurare queste parti che hanno bisogno di cure costanti.

Se è una crema con filtro solare: stendete bene il prodotto e non dimenticate nessun punto del viso. Siate un pò più generose, soprattutto sul naso per mettere uno scudo alla pelle evitando che si possa arrossare.

Se è un fluido: diminuite la dose perché il rischio è che la pelle finisca per essere appiccicosa.

Contorno occhi
Quanto ne serve: tre chicchi di riso per parte. E' questa la quantità giusta da usare sia mattina che sera e da distribuire in questo modo:  uno va massaggiato sulla palpebra inferiore, uno su quella superiore e il terzo lateralmente (dove si formano le zampe di gallina) , portando il massaggio fino alle tempie.
Non superate questa dose perché il prodotto in eccesso che non viene assorbito dalla pelle può favorire gonfiori che accentuano le borse.

Il siero
Quanto ne serve: 4-5 gocce.

Questa è la quantità giusta perché si tratta di formulazioni ultra-concentrate che spesso contengono vitamina C o acido glicolico che ad alte dosi possono provocare reazioni irritanti e per questo sono studiate per essere usate in minime dosi. Calcolate una goccia in meno se mettete il prodotto sotto un'altra crema.

 Shampoo e balsamo, le dosi ideali

Shampoo: basta una moneta da un euro Se si usa lo shampoo in quantità eccessiva il rischio è la disidratazione, l'impoverimento dei capelli e della loro barriera protettiva.
Se volete regolarvi con le dosi prendete come riferimento una moneta da un euro è più che sufficiente per capelli di media lunghezza.
Dopo aver bagnato i capelli, diluite lo shampoo con un po’ di acqua in una ciotolina e versatelo alla radice, facendolo scivolare verso le punte. Massaggiate e sciacquate bene con acqua tiepida.


Balsamo e maschera:una moneta da due euro Stesso discorso che per lo shampoo: inutile esagerare. La quantità ideale per un taglio medio è una moneta da due euro perché il rischio, soprattutto nel caso di capelli fini, è di appesantirli troppo.
Sia il balsamo che la maschera non vanno applicati direttamente sulle radici, ma solo sulle lunghezze, eventualmente una piccola dose extra si può concedere alle punte, che in genere sono le più rovinate.
Nel caso si utilizzi del balsamo spray, sono sufficienti quattro-cinque spruzzi, non di più, perché il rischio è che la chioma si unga.
E per gli altri prodotti per lo styling? Due spruzzi di lacca e di spray fissante, la punta di un cucchiaino di gel per tenere a posto i capelli, altrimenti il rischio è che i capelli risultino collosi.

Crema per il corpo: ecco quanta ne serve 

Se si vuole curare bene la pelle bisogna "ascoltarla" per capire se stiamo utilizzando nelle giuste quantità il prodotto cosmetico. Vediamo come regolarsi con le creme anticellulite e quelle per mani e piedi.

Creme per il corpo: 8 cucchiaini, la dose giusta
Per i diversi trattamenti anticellulite e antismagliature, rassodanti e snellenti,
le creme si applicano sulle zone interessate con una certa generosità, ripartendole in questo modo: un cucchiaino per il ventre, due cucchiaini per ogni coscia, uno per ogni gluteo, e uno per ogni ginocchio.
Fate attenzione alla consistenza del prodotto:  se sotto forma oleosa e di siero, le dosi possono essere più contenute rispetto alle creme, che richiedono un lungo massaggio perché si assorbano bene. Come capire se si è ecceduto? Se la pelle resta unta o appiccicosa significa che avete esagerato con le dosi. Non fa male,ma è uno spreco.

Crema per mani e piedi: basta una noce
Spesso trascurate queste zone del corpo hanno bisogno di cure quotidiane con prodotti specifici. A differenza di altri cosmetici le creme per mani e piedi, se usate in eccesso, avranno come unica conseguenza di rimanere untuose ma di non creare altri danni.
In inverno sulle mani può servire un prodotto molto ricco, come il burro cosmetico, che a dispetto del nome non unge in modo fastidioso, ma apporta alla pelle sostanze altamente idratanti e nutrienti.

Per un effetto ancora più nutriente si può usare con generosità la crema anche di notte, come se fosse un impacco e dormire con guanti di cotone.
Anche sui piedi si può abbondare con burri, balsami e creme idratanti, soprattutto se si usano sui talloni screpolati, non sono mai troppo. Comunque, una noce di prodotto per piede può essere sufficiente, ma in certi casi può servirne anche di più per nutrire bene tutta la pelle della zona.


Detergenti e scrub: meglio non eccedere

Sotto la doccia e nella vasca da bagno un cucchiaio di prodotto per tutto il corpo è più che sufficiente. La pelle è la nostra prima barriera di salute e la prima regola per evitare che si secchi eccessivamente e che diventi più sensibile alle aggressioni esterne è non eccedere mai con i detergenti.


Detergenti colorati. Certo sono accattivanti non solo per il colore ma anche per il profumo e la consistenza, e inducono ad abbondare con le dosi. Niente di più sbagliato perché possono impoverire eccessivamente la pelle della sua protezione naturale.

Lo scrub.  Ne basta una noce su una spugna. E' la quantità sufficiente da massaggiare su tutto il corpo, il resto è inutile spreco che finisce per cadere nella doccia. A cosa serve lo scrub? A rendere la pelle morbida, a stimolarla, rivitalizzarla a fondo perché svolge un'azione esfoliante sulle cellule morte della parte più superficiale dell'epidermide e stimola la microcircolazione, permettendo un maggiore afflusso di sangue e di ossigeno all'epidermide.

E voi rispettate questi parametri o tendete ad esagerare o al contrario ad usare pochissimo prodotto?

Io uso sempre la quantità giusta di prodotto. Per esempio,per quanto riguarda lo shampoo,prima passavo il prodotto puro sui capelli,invece ora lo diluisco sempre con qualche goccina d'acqua. Stessa cosa per il balsamo.

Fonte: http://staibene.libero.it/



 

Tester Nescafè

Ho ricevuto ieri mattina un campione gratutio da Nescafè che era possibile richiedere tramite Facebook se non sbaglio.

All'interno di questa foglietto illustrativo,come vedete in foto,ho trovato due bustine:
- Perugina Cacao in polvere zuccherato, per concludere il rito del tuo Nescafè Mocaccino (8 gr)
- Nescafè Mocaccino (8 gr).


La Nescafè propone tra varietà di prodotti:
  1. Nescafè Mocaccino
  2. Nescafè Ginseng Coffe
  3. Nescafè Caffè Nocciola.
Queste bustine sono semplicissime da usare. Basta semplicemente versarne il contenuto in un tazzina,aggiungere 50 ml di acqua calda non bollente e mescolare con cucchiaio. Infine spolverare cacao a piacere.

In allegato ho trovato anche un buono sconto da 0.50 centesimi su una confezione di Nescafè Mocaccino o di Nescafè Ginseng Coffe o di Nescafè Caffè Nocciola. I pacchetti in vendita contengono 10 bustine.


Ho provato ieri il caffè mettendoci un pò di cacao. Devo dire che ha un sapore buono,non stucchevole. Dà sicuramente quel tocco in più ma niente di troppo eccezionale.
Oggi ho provato invece il Nescafè Mocaccino aggiungendoci un pò di cacao e devo dire che il risultato è veramente buono. Ha un sapore cremoso e molto leggero. Lo consiglierei sicuramente a chi non beve solitamente caffè.
Il cacao contenuto nel campione è davvero tanto,io l'ho usato per 4 tazzine per due giorni consecutivi e ne è rimasto ancora un pò :)

Voto: 7.5/10 (Anche perchè l'ho provato solo una volta e non posso dare un'opinione perfetta)

Pro: Gusto leggero.
Contro: /

Voi l'avete provato? Come vi siete trovate?

lunedì 25 marzo 2013

Porta orecchini creato dal Mio Amore!!!




La mia collezione di orecchini!!


Alcuni dei miei bracciali!!


TAG: 15 domande sulla moda!

1) Qual è per te un capo indispensabile nella moda? 

Assolutamente i jeans. Li indosso sempre e comunque. Stanno benissimo con un outfit più sportivo,con una t-shirt o una felpa sopra e delle sneakers ma anche con un outfit un pò più elegante,con una camicia e dei tacchi.


2) Qual è la peggiore gaffe di moda, secondo te?

Odio vedere ragazze che indossano leggins come fossero dei pantaloni. I leggins sono delle calze e per me andrebbero indossati con un vestitino,una gonna o al massimo una maglia lunga.

 
3) Quali sono i colori che indossi di più?

Non c'è un colore che indosso più di altri. Mi piace cambiare.

4) Quali sono invece i colori che indossi di meno?

Direi il marrone.

5) Qual è l'accessorio perfetto per donare stile ad una mise? 

Sicuramente un bel paio di orecchini donano quel tocco magico ad un outfit.

6) Abbini il make up all'abito?

Si,mi è capitato in passato. Ma non lo faccio all'ordine del giorno.

7) Segui la moda alla lettera?

Assolutamente no!

8) Qual è il tuo pezzo preferito del momento?

Mi piacciono molto le fantasie e righe che ora vanno tanto di moda.

9) Qual è una moda che non ti piaceva e alla quale non hai ceduto?

Capi o accessori con teschi. Non mi sono mai piaciuti e non li ho mai comprati.


10) E invece una moda che non ti piaceva e alla quale alla fine hai ceduto? 

Sicuramente direi le gonne alte. Mi piacevano vederle indossate dalle altre ragazze ma non ho mai avuto il coraggio di misurarne una. Invece ora che l'ho acquistata,posso dire di aver fatto un'ottima scelta.

11) Qual è la moda o lo stile che hai preferito del passato?

Mi piacevano da morire i pantaloni a zampa d'elefante che tanto si usavano prima.

12) Sei favorevole o sfavorevole alle scarpe col tacco prima dei 14 anni?

Non sono sfavorevole,basta che non sia un tacco esagerato.

13) Qual è la tua icona moda o fonte di ispirazione?

Non ho una fonte d'ispirazione.
  
14) Cosa ti piace e cosa non ti piace della moda?

La moda mi piace perchè ti da la possibilità di esprimerti,di far vedere un pò la tua personalità in base ad un capo o accessorio che sia. Non mi piace quando porta la gente a conformarsi alle nuove tendenze.

15) Come ultima domanda, descrivi il tuo stile.

Il mio stile è totalmente personale,nel senso che tendo ad abbinare capi d'abbligliamento anche non più di moda,che però a me piacciono ancora. Non cerco per forza le grandi marche,anzi.